Articoli

23/10/2019 – La stagione 2019 è ormai alle spalle e, anche in casa Team Beltrami, è tempo di proiettarsi verso quella che verrà, ovvero la seconda come squadra professionistica Continental, che continuerà quindi ad alternare gare del calendario professionistico (incrementandole) alle più rilevanti di quello dilettantistico.
Il primo tassello per il 2020 sono le conferme di cinque elementi rispetto alla squadra della passata stagione: si tratta dei ravennati Filippo Baroncini e Matteo Domenicali, del pavese Nicolò Parisini, del parmense Thomas Pesenti e dello slovacco Matus Stocek. I primi tre sono del 2000 e in quest’ultima stagione erano al primissimo anno fra gli Under 23, mentre gli altri due sono nati nel 1999.
Tutti elementi di talento, che nell’ultima stagione hanno fatto intravedere le proprie qualità, convincendo il team manager Stefano Chiari e tutta lo staff tecnico a puntare su di loro come “base” per la squadra del prossimo anno, che sarà ancora diretta dal bolognese Orlando Maini e dal parmigiano Roberto Miodini.

Abbiamo confermato tutti i tre ragazzi che erano al primo anno nella categoria – spiega il tm Chiari perché hanno mostrato qualità importanti e vogliamo accompagnarli nella loro crescita. Sono convinto che, gradualmente, sapranno sempre più farsi notare, come del resto hanno già iniziato a fare nella stagione appena conclusa, dove hanno fin da subito mostrato di saper stare tra professionisti. Discorso analogo per Pesenti e Stocek: il primo purtroppo ha patito un infortunio ad aprile, nella fase cruciale della stagione, ma conosciamo il suo valore, il secondo ha chiuso l’anno in crescendo, entrando fra i primi trenta al Mondiale Under 23, che non è cosa da poco. Puntiamo con decisione su questi cinque ragazzi per formare lo zoccolo duro della squadra del prossimo anno, ma ci saranno tante altre novità in organico che annunceremo a breve”.

04/08/2019 – Doppio piazzamento per il Team Beltrami TSA – Hopplà – Petroli Firenze ieri nel Gp La Serra di San Miniato (Pisa)quinta posizione per Thomas Pesenti e sesta per Filippo Baroncini, al termine di una gara portata a termine da una quarantina di unità, che ha messo in evidenza l’ottimo stato di forma dei due atleti in maglia giallogrigiorossa.
La vittoria è andata a Pasquale Abenante (Zalf), arrivato solitario al traguardo grazie ad uno scatto nel finale. Ha preceduto di 30” Manuel Allori (Team Ballerini) e il campione d’Italia Marco Frigo (anche lui della Zalf), mentre Pesenti è stato l’unico reduce della fuga principale della gara a centrare il piazzamento, peraltro con il gruppo subito alle spalle e Baroncini che ha così colto la sesta posizione.

Il parmense classe ’99 si era già piazzato al quinto posto una settimana fa a Darfo Boario, mentre Baroncini, ravennate classe 2000 al primo anno nella categoria, un mese fa s’era classificato quarto nell’internazionale “Città di Brescia”, dopodiché aveva disputato un buonissimo Giro della Valle d’Aosta, protagonista in fuga nell’ultima tappa. I risultati di ieri quindi danno continuità alle loro prestazioni e a quelle della squadra tosco-emiliana.
Ieri rientrava alle gare dopo un mese e mezzo Tommaso Fiaschi, vittima lo scorso 19 giugno di un infortunio al braccio sinistro a causa di una caduta durante il Giro d’Italia Under 23. Come previsto, il senese si è ritirato, ma questo è stato comunque il primo passo verso un suo pieno recupero che gli possa permettere di mostrare ancora il suo valore nel finale di stagione.

21/07/2019 – Il Giro della Valle d’Aosta si è concluso quest’oggi con la quinta tappa, da Valtournenche a Breuil Cervinia, che ha visto fra i suoi grandi protagonisti Filippo Baroncini. il ravvenate del Team Beltrami TSA – Hopplà – Petroli Firenze è stato in fuga praticamente per tutta la tappa, andando a conquistare ogni traguardo volante e gran premio della montagna a disposizione, attaccando a dieci chilometri dall’arrivo e venendo ripreso quando ne mancavano poco più di quattro. Ha concluso in quattordicesima posizione una prova da applausi (lui che è al primo anno nella categoria e che non è uno scalatore), arrivata al termine di una gara fra le più dure per Under 23, con 17mila metri di dislivello complessivo.

La squadra tosco-emiliana ha piazzato il colombiano Sebastian Castano in diciassettesima posizione della classifica generale, vinta dal belga Mauri Vansevenant davanti al britannico Adam Hartley e all’olandese Kevin Inkeelar (ultima tappa ad Andrea Bagioli). Sono stati in totale 69 gli atleti che hanno concluso il Giro della Valle d’Aosta, fra cui tutti e cinque quelli del Team Beltrami TSA – Hopplà – Petroli Firenze che avevano preso il via nel prologo di martedì sera.

Questa è la gara più dura che ci sia nel panorama degli Under 23 – spiega il ds Orlando Maini, che ha guidato il quintetto giallogrigiorosso insieme a Roberto Miodini -, ed averla finita con tutti i ragazzi non è cosa da poco. Specialmente con i nostri due classe 2000, Baroncini e Parisini, quest’ultimo all’esordio in una gara a tappe. L’azione odierna di Filippo, cercata come squadre e non casuale, è un gran bel segnale e motivo di soddisfazione, per giunta è stato bravo a tener duro una volta ripreso. Questa, in particolare per loro due, è stata un’esperienza di crescita. Bravo anche Castano, che si è guadagnato il 17° posto nella generale con una buona continuità di rendimento, e bene anche Pena e Montoya, che a giorni alterni hanno dato il loro contributo”.

3/7/2019 – È stata una grande prestazione quella offerta da Filippo Baroncini e, più in generale, da tutti i componenti del Team Beltrami TSA – Hopplà – Petroli Firenze ieri sera al 58° Trofeo Città di Brescia, gara internazionale in notturna per Elite e Under 23 (andata in onda in diretta sulla piattaforma PMG Sport e sui siti e le televisioni ad essa collegate).Un classica che l’atleta ravvenate, classe 2000 (al primo anno nella categoria) ha chiuso al quarto posto, dopo essere stato in fuga da metà gara in poi con altri dieci corridori (il totale dei chilometri era di 122, su un circuito di 5,8 con lo striscione d’arrivo posto lungo la salita del castello che sovrasta la città).Baroncini, che nei giorni scorsi ha affrontato l’esame di maturità (e che, in sella alla bici, quest’anno si era già piazzato secondo alla Vicenza-Bionde), ha mostrato grande brillantezza e lucidità, arrivando a giocarsi le sue carte nello sprint finale e sfiorando il podio, sul quale sono saliti, nell’ordine,  Daniel Smarzaro. Luca Mozzato e Andrea Toniatti.
Un risultato che comunque non lascia alcun rimpianto né a Baroncini né alla squadra, consapevole dello spessore della prestazione. Peccato per la foratura che ha appiedato il colombiano Estiben Pena proprio mentre, insieme a Baroncini, stava rientrando sulla fuga.
È stata davvero una gran bella gara – commenta Baroncini a freddo -. Abbiamo corso davvero bene, da squadra, e io ho finalizzato il lavoro dei miei compagni facendo del mio meglio. Peccato per Pena, ma comunque portiamo a casa un quarto posto che ci dà morale e fiducia per l’immediato futuro, soprattutto per il modo in cui è arrivato e considerando il livello della gara e dei partecipanti. La maturità? Sto aspettando l’esito finale, ma anche di quella posso dirmi soddisfatto. Ora sotto con la bici!”

Assurdo finale a Montelupo Fiorentino: Baroncini e Parisini si avvantaggiano sugli inseguitori, ma all’ultima curva manca la segnalazione e sbagliano strada

19/05/2019 – A un passo dallo scrivere la pagina più bella di questa stagione, rovinata però da un’errata segnalazione del percorso a 250 metri dal traguardo. È andata così la domenica del Team Beltrami TSA – Hopplà – Petroli Firenze al 6° Trofeo di Montelupo Fiorentino – Città della Ceramica, in Toscana. Filippo Baroncini e Nicolò Parisini erano nel gruppetto di una dozzina di unità che si sarebbe giocato la vittoria, quando a mezzo chilometro dal traguardo sono scattati insieme, guadagnando una manciata di metri che avrebbe potuto essere sufficiente per una fantastica doppietta. Ma i due atleti (entrambi del 2000, al primo anno fra i Dilettanti) hanno seguito le motostaffette, le quali hanno tirato dritto (correttamente) alla deviazione dei 250 metri dal traguardo. Il problema però è che nessuno addetto al percorso ha segnalato il regolare tracciato agli atleti e quasi tutto il gruppetto ha sbagliato strada, irrimediabilmente.

Un finale assurdo – commenta il ds Roberto Miodini, oggi alla guida del Team -, senza alcuna segnalazione e con molto caos. I corridori non erano mai transitati sotto il traguardo, quindi non conoscevano bene il percorso e, in mancanza di segnalazioni, hanno seguito le moto. Peccato, perché Filippo e Nicolò avevano fatto un gran numero e potevano realizzare un bel colpo. Ci dispiace doppiamente poiché avremmo voluto regalare un risultato importante a Claudio Lastrucci, patron dell’azienda Hopplà che ha sede proprio a Montelupo Fiorentino. C’è rabbia, ma anche la consapevolezza di aver fatto una grande gara con i nostri ragazzi più giovani. Cercheremo di tradurre il rammarico in motivazione per le prossime gare”.

Ieri invece, nel 40° Gp Città di Empoli, autore di una buonissima prestazione è stato lo slovacco Matus Stocek, arrivato settimo al traguardo. Per lui, classe ’99, si tratta del primo piazzamento stagionale, in un periodo nel quale sta mostrando una condizione in costante crescita.

26/04/2019 – Tempo di tornare a gareggiare tra i professionisti per il Team Beltrami TSA – Hopplà – Petroli Firenze, che domenica sarà al via dell’80^ edizione del Giro dell’Appennino, tra Piemonte Liguria, prova valida per la Ciclismo Cup.

Saranno 198.7 i chilometri da percorrere, con partenza da Serravalle Scrivia, chilometro zero a Novi Ligure e arrivo in Via XX Settembre nel centro di Genova. Nella prima parte di gara ci sarà un passaggio da Castellania in omaggio a Fausto Coppi, mentre negli ultimi 70 chilometri verranno riproposte le impegnative ascese al Passo della Bocchetta, Fraconalto e Passo dei Giovi. Gli organizzatori hanno deciso di dedicare questa edizione alla memoria delle vittime della tragedia del Ponte Morandi avvenuta lo scorso 14 agosto: sotto a quei piloni la corsa è transitata più volte in passato, anche l’anno scorso, e quest’anno sarà confermato il passaggio sotto ai monconi attualmente in fase di demolizione. E proprio in prossimità della struttura verrà posto un traguardo volante. Un passaggio che avrà quindi un grande valore simbolico. La gara sarà trasmessa in differita sulla piattaforma PMG Sport e sui siti ad essa collegati.

23 le squadre iscritte, fra cui appunto quella diretta da Roberto Miodini, che sarà composta dai colombiani Sebastian CastanoWilson Estiben Pena e Nacho Montoya, e da tre atleti classe 2000, che in questo primo scorcio di stagione hanno fatto già intravedere le loro qualità: i romagnoli Filippo BaronciniMatteo Domenicali e il pavese Nicolò Parisini.
Avrebbe dovuto prendervi parte anche Thomas Pesenti, ma il parmense si è procurato la frattura (composta) dello scafoide della mano sinistra cadendo ieri nella gara di Pessina Cremonese. I tempi di recupero saranno valutati nei prossimi giorni.

14/04/2019 – Primo podio fra gli Under 23 per Filippo Baroncini, secondo nella 75^ edizione della Vicenza – Bionde, classica veneta con arrivo a Bionde di Salizzole, in provincia di Verona, vinta dal russo Gleb Syritsa (Lokosphinx). Romagnolo di Massa Lombarda, classe 2000, Baroncini è approdato quest’anno al Team Beltrami Tsa – Hopplà – Petroli Firenze, essendo alla primissima stagione fra gli Under 23. Un dato che impreziosisce notevolmente questo secondo posto.
Un risultato arrivato al termine di una lunga fuga, nata dopo appena dieci dei 171 chilometri previsti, inizialmente composta da 18 corridori, della quale faceva parte anche Nicolò Parisini, altro classe 2000 del Team Beltrami Tsa – Hopplà – Petroli Firenze. Quando mancavano una cinquantina di chilometri all’arrivo, complice anche il forte vento, davanti sono rimasti in quattro, poi in tre a poco più di trenta dal traguardo (Syritsa, Baroncini e Gregorio Ferri della Zalf, poi arrivato terzo), con gli ex compagni di fuga ad un paio di minuti. Alle loro spalle sono usciti all’inseguimento tre uomini della Zalf, che però non sono riusciti a chiudere, arrivando a diciassette secondi dai primi tre. In volata l’atleta russo (anche lui del 2000, oro tra gli Juniores nel 2017 e bronzo nel 2018 fra gli Under 23, pur più giovane dei suoi avversari, all’Europeo dell’inseguimento a squadre) ha avuto la meglio di Baroncini per mezza bici.

Comunque molto soddisfatto l’atleta romagnolo: “Sono veramente felice per questo piazzamento – le parole di Baroncini nel dopo gara -. Ho sfruttato la buona condizione con la quale sono uscito dalla Settimana Coppi e Bartali ed è arrivato questo bel risultato in una gara importante. La fuga è nata all’inizio, ci ho creduto, strada facendo ho capito che potevamo arrivare al traguardo e così è stato. Ora voglio continuare a far bene, così come lo vuole tutta la squadra”.

Questo è un secondo posto che non lascia certo l’amaro in bocca – commenta il team manager Stefano Chiari -, anzi. Perché ad ottenerlo è stato un ragazzo al primo anno nella categoria, che ha iniziato davvero bene questa stagione e che sta confermando di avere grandi potenzialità. Oggi è stato bravissimo a crederci e a tenere duro fino in fondo. L’esperienza che ha fatto in gare professionistiche come il Trofeo Laigueglia e la Settimana Internazionale Coppi e Bartali è stata evidentemente molto utile, ora deve continuare così, con l’umiltà, la determinazione e la voglia di migliorare che ha mostrato in questi primi mesi con noi. Merita un plauso anche Nicolò Parisini, il cui apporto è stato molto importante ai fini del risultato”.



ORDINE D’ARRIVO 75^ VICENZA – BIONDE:
1° Gleb Syritsa (Lokosphinx), 174 km in 3h42’25” a 46,9 k/h di media, 2° Filippo Baroncini (Team Beltrami TSA – Hopplà – Petroli Firenze), 3° Gregorio Ferri (Zalf), 4° Matteo Zurlo (Zalf) a 17”, 5° Pasquale Abenante (Zalf), 6° Matteo Baseggio (Zalf), 7° Francesco Di Felice (General Store) a 2’45”, 8° Nicola Venchiarutti (Ctf), 9° Stefano Cerisara (Bike Team Nordest), 10° Filippo Bertone (Iseo).

 

3/4/2019 – C’erano solo tre corridori del 2000 al via della Settimana Internazionale Coppi e Bartali, due dei quali l’hanno portata a termine. Uno di questi è Filippo Baroncini, romagnolo di Massa Lombarda che spegnerà 19 candeline il prossimo 26 agosto, al debutto in una gara a tappe per professionisti. Una prima volta decisamente positiva, perché Filippo (al di là dell’87° posto finale, buono soprattutto per le statistiche), ha retto benissimo l’impatto con la categoria e con l’altimetria severa di tappe come quella di Sogliano al Rubicone. Non poco per un ragazzo (187 centimetri per 73,5 chili) che fino all’anno scorso correva tra gli Juniores e che, fino a giugno, dovrà confrontarsi anche con la scuola (quinto anno di ragioneria, indirizzo turistico).

«Correre con i professionisti questa Coppi e Bartali è stata una bellissima esperienza – racconta Filippo, che domenica sarà al via del Trofeo Piva per Dilettanti, in provincia di Treviso -: dura, ma davvero soddisfacente. Finirla non era cosa da poco, per cui sono molto contento della mia prestazione. E poi è stata doppiamente bella perché si correva soprattutto in Romagna, la mia terra, su strada che conoscevo e sulle quali spesso mi alleno». Un’esperienza che Filippo definisce «estremamente formativa, molto utile per il mio futuro e per fare bene nelle gare dei Dilettanti. Ne sono uscito con una buona condizione e cercherò di sfruttarla già domenica prossima».

Tornando alla “Coppi e Bartali”, i freschi ricordi corrono alla «tanta gente lungo le salite, fra le quali riconoscevo gli incoraggiamenti di voci familiari. C’erano tanti amici a sostenermi e questo mi ha dato ulteriore carica». Quando gli si chiede quale sia stata la frazione più dura, ha pochi dubbi: «Sicuramente quella con arrivo a Sogliano al Rubicone, 140 km con 3300 metri di dislivello. Non sono abituato a fare tanta salita in così pochi chilometri. È stata veramente dura e si è fatta sentire nelle gambe anche durante i giorni successivi. E poi l’ultima tappa: ero veramente al limite, quando dopo 15 chilometri abbiamo incontrato la prima salita, io ero già “impiccato”, perché fin dal primo chilometro avevamo provato a portar via la fuga. Per due giri sono stato in crisi, temevo di dovermi ritirare, ma con la testa ho tenuto duro e poi mi sono ripreso». In parte conosceva le salite della gara, «come ad esempio quella di Rocca delle Caminate, ma farle in allenamento e farle in gara è decisamente diverso…».

Quello del Team Beltrami Tsa – Hopplà – Petroli Firenze è un gruppo già affiatato, come testimonia Filippo: «Siamo davvero un bel gruppo e siamo stati bene durante tutta la gara. La mattina scherzavamo con i nostri velocisti, Furlan e Ferrari, sfidandoli a tenere duro, e loro lo hanno fatto, ritirandosi solo all’ultima tappa. Sono stati davvero bravi, perché se abbiamo faticato noi, mi immagino loro, che di certo non vanno d’accordo con le salite. E poi mi sono trovato molto bene anche con i colombiani (Castano, Pena e Montoya, ndr). Stare con loro una buona occasione per parlare un po’ di spagnolo, una lingua affascinante e che vorrei migliorare. Infine un ringraziamento a tutto lo staff: dai consigli preziosi dei nostri direttori sportivi al lavoro del meccanico, che ci faceva trovare le bici perfette ogni mattina, passando per tutti gli altri. Abbiamo un’organizzazione con pochi eguali fra le squadre del nostro livello»

Ora torna a dividersi tra scuola e allenamenti: «Non è facile conciliare le due cose, perchè talvolta facciamo allenamenti anche di cinque ore, ma con una buona organizzazione è possibile. Bisogna cercare di pianificare al massimo la vita scolastica. Dopo la maturità mi concentrerò appieno sulla bici e allora sarà tutto un po’ più semplice»

31/03/2019 – Si è conclusa oggi, con la Fiorano – Sassuolo (vinta da Mauro Finetto) la Settimana Internazionale Coppi e Bartali (classifica finale all’australiano Lucas Hamilton), gara a tappe per professionisti che ha visto in corsa anche il Team Beltrami TSA – Hopplà – Petroli Firenze. La squadra del team manager Stefano Chiari era quella con l’età media più bassa fra quelle al via, interamente composta da atleti Under 23. 
Sebbene, come prevedibile, non siano arrivati risultati di rilievo in queste cinque tappe, il bilancio è assolutamente positivo, considerato che fino alla partenza di questa ultima frazione erano ancora in gara tutti e sette i portacolori della squadra giallogrigiorossa. Nel corso dell’ultima frazione si sono ritirati Davide Ferrari, Wilson Pena e Matteo Furlan, non al meglio della condizione, che avevano comunque stretto i denti nelle frazioni dei giorni scorsi.
Il migliore in classifica generale è risultato il colombiano classe ’97 Sebastian Castano (17° nella classifica dei giovani), ma molto incoraggianti sono state le prove del parmense Thomas Pesenti (’99) e del ravvenate Filippo Baroncini, del 2000 e quindi al primo anno da Under 23. Nelle tappe più dure, in particolare quella di giovedì con arrivo a Sogliano al Rubicone, sono riusciti a rimanere a lungo nel gruppo dei migliori. Prestazione che hanno poi replicato anche nella frazione di Forlì (con la salita di Rocca delle Caminate) da ripetere sette volte, e in quella di oggi, con l’ascesa di Montegibbio da affrontare quattro volte.  

È stata un’esperienza davvero impegnativa e importante per i nostri ragazzi – commenta il direttore sportivo Orlando Maini, che insieme a Roberto Miodini ha guidato i ragazzi in queste cinque tappe -. Per tutto il Team è stata una sorta di collaudo, per molti è stata la prima vera corsa a tappe della carriera. Non è cosa da poco, considerando il dislivello della corsa e il livello di alcune squadre, essere arrivati all’inizio dell’ultima tappa con tutti e sette ancora in gara. Inoltre abbiamo un ragazzo del 2000, Baroncini, che l’ha portata a termine e senza troppe difficoltà. Solo due ragazzi di quella classe l’hanno conclusa. Usciamo da questa esperienza consapevoli che, sicuramente, dobbiamo migliorare in alcune cose, mentre ce ne sono altre che vanno già bene, ma è senza dubbio attraverso gare come questa che un giovane atleta cresce sotto tutti i punti di vista”.

Domenica si corre la classica ligure che apre il calendario nazionale. Prima assoluta tra i professionisti per Baroncini e Pesenti

14/02/2019 – Si avvicina l’ora del debutto in Italia per il Team Beltrami TSA – Hopplà – Petroli Firenze, che domenica (17 febbraio) sarà in gara nella 56^ edizione del Trofeo Laigueglia (1.HC), in Liguria, manifestazione che apre il calendario professionistico italiano e la “Ciclismo Cup”. 
La squadra Continental del team manager Stefano Chiari ha già esordito tre settimane fa in Argentina, alla Vuelta a San Juan, mentre in questi giorni due dei suoi atleti, Sebastian Castano e Ignacio Montoya, stanno correndo il Tour Colombia con la Nazionale colombiana. 
Domenica saranno sette i corridori al via della classica ligure: Ottavio DottiMatteo FurlanTommaso Fiaschi, lo slovacco Matus Stocek e il colombiano Wilson Estiben Pena (tutti e cinque già in gara a San Juan), ai quali si aggiungono il parmense Thomas Pesenti (classe 1999) e il ravvenate Filippo Baroncini (del 2000, l’anno scorso tra gli Juniores), che saranno al debutto assoluto nel mondo del professionismo. A dirigerli dall’ammiraglia Orlando Maini e Roberto Miodini.

La gara partirà dal centro di Laigueglia alle 10,50, dopodiché saranno 203 i chilometri da percorrere, con le salite di Cima Paravenna, Capo Mele, Testico e Colla Micheri, da affrontare quattro volte nel circuito finale.
Le fasi conclusive saranno trasmesse in diretta televisiva (dalle ore 15,30 alle ore 16,30) in Italia (Rai Sport) e all’estero (L’Equipe, Eurosport Francia) oltre che in streaming internet sulle piattaforme della PMG Sport e sui siti specializzati.
Una gara, quella ligure, che ha in Filippo Pozzato il plurivittorioso: il vicentino, parte attiva del progetto Team Beltrami TSA – Hopplà – Petroli Firenze, è l’unico ad averla conquistata tre volte (2003, 2004 e 2013).

 

Essere al via del Trofeo Laigueglia, la prima gara del calendario italiano, è per noi motivo d’orgoglio – spiega il tm Stefano Chiari -. I ragazzi troveranno ulteriori motivazioni per dare il meglio. A loro chiediamo il massimo impegno, ma nulla di particolare in termini di risultato: il nostro progetto, come abbiamo già avuto modo di spiegare, punta a farli crescere senza eccessive pressioni, inserendoli gradualmente nel mondo del professionismo. Gare come questa sono occasioni importanti per fare esperienza e misurarsi con alcuni degli atleti più forti del panorama internazionale; se ci sarà occasione cercheremo comunque di farci notare, magari in una fuga. L’importante è che i ragazzi traggano insegnamento, sotto tutti i punti di vista, da una gara del genere“.

in alto un’immagine di allenamento con Thomas Pesenti in primo piano, by POCISPIX

 


i